Noipa cedolino: come averlo

La procedura per ottenere il cedolino Noipa

 

I dipendenti pubblici e statali hanno un sistema di gestione degli stipendi che permette loro di avere in un unico portale tutti i dati relativi alla loro posizione giuridica ed economica, comprese le buste paga.

Per ottenere il proprio cedolino Noipa dello stipendio dei dipendenti pubblici e statali bisogna fare accesso al portale Noipa con le proprie credenziali di accesso. 

Alla sezione Documenti disponibili basterà cliccare sulla voce Cedolino, entrare nella pagina Visualizza cedolini e selezionare il modello mensile che volete scaricare. 

I cedolini Noipa sono disponibili entro il 23 di ogni mese. 

Vediamo insieme la procedura per ottenere il cedolino per i dipendenti pubblici e statali. 

 

-Cos’è Noipa

-Come ottenere cedolino Noipa

-Conclusioni

 

Cos’è Noipa

 

Noipa è un sistema di gestione dei servizi stipendiali. Il sistema di gestione è stato realizzato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per gestire i processi di Elaborazione, Liquidazione e Consultazione degli stipendi dei dipendenti pubblici e statali. Noipa permette di gestire l’elaborazione, la liquidazione e gli adempimenti fiscali e previdenziali INPS dei dipendenti della Pubblica Amministrazione. Il sistema contiene le anagrafiche dei dipendenti pubblici e statali, la quadratura delle presenza e assenze grazie ai servizi di Time Management. 

 

Le Pubbliche Amministrazioni che aderiscono al sistema sono i Ministeri, le Regioni e autonomie locali, le Agenzie Fiscali, gli enti pubblici non economici. Le PA hanno a disposizione un sistema unico di gestione di tutto ciò che riguarda il personale: sia dal punto di vista giuridico, che dal punti di vista economico. 

 

I costi di adesione ai servizi NOIPA dipendono dalle dimensioni della Pubblica Amministrazione che aderisce e ai servizi che vengono richiesti. 

 

Come ottenere cedolino Noipa

 

Tutti i dati relativi alla posizione stipendiale dei dipendenti pubblici e statali si trovano all’interno dell’area riservata. L’area riservata consente inoltre di essere aggiornati sulle comunicazioni ufficiali. 

Per entrare nell’area personale bisogna aver ottenuto le credenziali personali attraverso la registrazione sul sistema Noipa con un indirizzo email.

Se il dipendente pubblico ha già provveduto a comunicare alla propria amministrazione un indirizzo email valido, quest’ultimo sarà già all’interno del sistema Noipa. In caso contrario, il dipendente dovrà rivolgersi al Responsabile dell’identificazione del lavoratore del proprio ufficio di servizio per comunicare l’indirizzo email valido, i propri contatti e farsi identificare direttamente.  Solo in seguito si potrà ottenere la password sul sistema Noipa. 

Dopo aver effettuato la registrazione sul sistema, il portale invia un’email che contiene un link di conferma. Per completare la procedura bisognerà inserire il codice fiscale per confermare la propria identità. 

Una volta confermata la propria identità il sistema invierà un link all’interno di una seconda mail in modo da permettere al dipendente pubblico di impostare una password personale. 

Se il dipendente ha fornito un numero di cellulare, il sistema invierà anche un SMS che contiene un codice di sicurezza da digitare. 

A questo punto il numero sarà validato  e sarà possibile accedere direttamente al portale Noipa dove sarà possibile scaricare il proprio cedolino.

 

Conclusioni

 

Una volta conclusa la procedura di registrazione e ottenuto l’accesso al portale Noipa i dipendenti pubblici e statali potranno utilizzare il sistema tutte le volte che desiderano, per scaricare i cedolini dello stipendio. 


Carta acquisti 2021: requisiti e come ottenerla

I requisiti per ottenere la carta acquisti 2021

La carta acquisti è uno strumento di sostegno economico a determinate categorie di cittadini in condizioni di difficoltà. È stato adottato da qualche anno, è attivo dal 2008 ed è stato prorogato anche per il 2021. 

La carta acquisti Mastercard  viene rilasciata dagli uffici postali al cittadino che ne fa richiesta e funziona come un normale bancomat che può essere utilizzato per pagare le utenze, presso i supermercati o per sostenere le spese sanitarie

I destinatari della carta acquisti 2021 sono rimasti invariati nel corso degli anni, dall’adozione della misura. La Carta acquisti spetta a stostegno infatti ai minori di 3 anni e maggiori di 65 anni. Differiscono i requisiti soggettivi e patrimoniali dai quali dipende la concessione della misura di sostegno.  

Vediamo insieme come funziona la carta acquisti 2021 e quali sono i requisiti.

-Carta acquisti 2021: come funziona e come fare domanda

-Carta acquisti 2021 per bambini sotto i 3 anni

-Carta acquisti 2021 per gli over 65

Carta acquisti 2021: come funziona e come fare domanda

La Carta Acquisti è una misura di sostegno economico attiva dal 2008. Di fatto consiste in una vera e propria carta acquisti mastercard con le stesse funzioni di una carta di pagamento elettronico. Viene ricaricata di 80 euro ogni due mesi. In sostanza ai beneficiari spettano 40 euro al mese per un totale di 480 euro annui. 

I beneficiari protranno spendere l'importo presso negozi convenzionati, per sostenere le spese alimentari e sanitarie oppure presso gli uffici postali per pagare le utenze. 

La domanda va presentata agli uffici postali, i quali si occuperanno di trasmettere l’istruttoria all’INPS che valuterà la richiesta. 

Carta acquisti 2021 per bambini sotto i 3 anni

I beneficiari della carta acquisti sono i bambini che non abbiano compiuto 3 anni a condizione che siano cittadini italiani, comunitari, extracomunitari familiari di cittadini italiani o comunitari, titolari di diritto di soggiorno, di diritto di soggiorno permanente, del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo oppure rifugiati politici o titolari di posizione sussidiaria.

La richiesta la presente uno dei genitori o il tutore del minore di 3 anni. Il minore deve essere regolarmente iscritto all’Anagrafe dei residenti e l’ISEE deve avere un valore inferiore a 7.001,37 euro. 

Carta acquisti 2021 per gli over 65

I requisiti per ottenere la carta acquisti 2021 per cittadini che abbiano superato 65 anni di età sono i seguenti:

-essere cittadini italiani, comunitari, extracomunitari purché familiari di cittadini italiani o comunitari oppure in alternativa titolari di permesso di soggiorno, di diritto di soggiorno permanente, del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, oppure rifugiati politici o titolari di posizione sussidiaria

-essere regolarmente iscritti all’Anagrafe dei residenti in un Comune italiano

-avere un valore ISEE inferiore a 7.001,37 euro

-essere beneficiari di trattamenti pensionistici o assistenziali, che sommato ad altri redditi non superi 7.001,37 euro annui. Questo limite viene portato a 9.335,16 annui per chi ha più di 70 anni. Per i pensionati INPS sarà sufficiente scaricare il modello CU per dal sito dell’INPS per conoscere il reddito lordo da pensione.

Concludiamo ricordandovi che in caso di furto, smarrimento o altri problemi è attivo un numero verde INPS per Carta Acquisti 800.902.122 

immagine decorativaLeggere di più


Credem, Avvera entra nel capitale del Gruppo Santamaria

Avvera, la nuova società del gruppo Credem specializzata nei mutui e nel credito al consumo per i privati, ha acquisito il 10% del capitale del gruppo Santamaria in Sicilia. Per Avvera l'obiettivo dell'accordo è accelerare lo sviluppo dei volumi di business previsti dal piano recentemente annunciato che prevede di arrivare a generare, dal 2022, 1,5 miliardi di euro annui tra nuovi mutui (450 milioni di euro) e finanziamenti di credito al consumo (oltre un miliardo di euro) portando a regime gli importanti investimenti effettuati nel triennio.

 

Lorenzo Montanari, amministratore delegato di Avvera:"Vogliamo affiancare ed investire nel gruppo Santamaria per sostenere i loro programmi di crescita mettendo a disposizione il nostro portafoglio prodotti che oltre alle cessioni del quinto dispone di prestiti personali, prestiti finalizzati e mutui".

 

Agata Fichera, Ceo del gruppo Santamaria:"Gruppo Santamaria potrà consolidare la relazione con i propri clienti sia con il valore aggiunto dei prodotti del gruppo Credem che con la tecnologia proposta da Avvera che garantisce processi moderni e con elevata sicurezza".

https://www.monitorimmobiliare.it/credem-avvera-entra-nel-capitale-del-gruppo-santamaria-_201911251319


Avvera spinge sulla CQ e investe nel capitale dell' agenzia Gruppo Santamaria

Avvera, la nuova società del Gruppo Credem nata lo scorso mese di maggio e specializzata nei mutui e nel credito al consumo per i privati, ha acquisito una quota del capitale del Gruppo Santa Maria, intermediario finanziario attivo principalmente in Sicilia nel collocamento di finanziamenti con cessione del quinto dello stipendio.

Per Avvera, guidata dall’amministratore delegato Lorenzo Montanari, l’obiettivo di tale accordo è accelerare lo sviluppo dei volumi di business previsti dal piano recentemente annunciato che prevede di arrivare a generare, dal 2022, 1,5 miliardi di euro annui tra nuovi mutui (450 milioni di euro) e finanziamenti di credito al consumo (oltre un miliardo di euro) portando a regime gli importanti investimenti effettuati nel triennio.

Il Gruppo Santamaria (GSM), guidato dall’amministratore delegato Agata Fichera, è un agente in attività finanziaria operativo dal 2007 nel settore dei finanziamenti con cessione del quinto dello stipendio, ha sede a Catania, dove sono localizzati un negozio finanziario ed un contact center. GSM può vantare una presenza decennale e una forte conoscenza del territorio, che consentono di ricoprire un ruolo di leadership nel settore della cessione del quinto in Sicilia, con volumi intermediati pari a quasi 40 milioni di euro nel 2018. Tali volumi sono provenienti per la quasi totalità dal canale diretto ovvero dalla vendita on-site con forte rapporto tra filiale e cliente.

Tale operazione, inoltre, rappresenta un fattore abilitante di una serie di benefici per Avvera e per il Gruppo Credem, tra cui il significativo potenziale di acquisizione da parte del Gruppo di nuova clientela, su cui effettuare azioni di cross-selling e repeat business, attraverso la bancarizzazione dei clienti raggiunti dall’Agente GSM tramite il collocamento dei prodotti di prestito personale e cessione del quinto (fino a 8.000 potenziali nuovi clienti raggiungibili in 3 anni). Rilevante sarà anche l’aumento della presenza territoriale in Sicilia tramite un presidio consolidato rappresentato da una rete multiprodotto specializzata nella cessione del quinto.

L’accordo consentirà anche l’accelerazione dello sviluppo del business dei prestiti personali sul canale open market, che rappresenta una delle principali obiettivi di business e dei fattori differenzianti di Avvera rispetto all’ operatività attuale del Gruppo Credem.

Per il Gruppo Santa Maria l’ingresso nel capitale da parte di un socio solido come il Gruppo Credem contribuirà ulteriormente al rafforzamento del posizionamento strategico nelle aree di presidio, a cui si aggiunge la possibilità di definire in modo congiunto una strategia di crescita significativa. L’obiettivo è consolidare il core business fuori dalla Sicilia attraverso strumenti di web marketing e sviluppare il comparto del prestito personale attraverso lo sviluppo di un’attività di cross selling sul proprio portafoglio e dedicare un apposito canale digitale allo sviluppo dell’open market.

La quota di capitale oggetto dell’accordo è pari al 10% ed è potenzialmente incrementale a discrezione di Avvera stessa fino ad un massimo del 30%.

Lorenzo Montanari, amministratore delegato di Avvera ha dichiarato: “questa operazione rappresenta per noi un grande opportunità e una nuova esperienza di partnership con una delle più importanti realtà nazionali nel settore della cessione del quinto. Vogliamo affiancare ed investire nel Gruppo Santamaria per sostenere i loro programmi di crescita mettendo a disposizione il nostro portafoglio prodotti che oltre alle cessioni del quinto dispone di prestiti personali, prestiti finalizzati e mutui. Siamo veramente molto contenti di questa operazione e crediamo che possa essere un accordo di reciproca soddisfazione per entrambi e di lunga durata”.

Agata Fichera amministratore delegato del Gruppo Santamaria Spa, ha spiegato: “la nostra azienda potrà consolidare la relazione con i propri clienti sia con il valore aggiunto dei prodotti del Gruppo Credem che con la tecnologia proposta da Avvera che garantisce processi moderni e con elevata sicurezza”.

Mario Scandura, consigliere di Gruppo Santamaria Spa, ha concluso: “la sinergia tra le due aziende rappresenta una grande opportunità per tutti i giovani che si vorranno con noi sviluppare il nostro progetto nel settore creditizio, a breve infatti presenteremo un piano di reclutamento e di formazione su tutto il territorio nazionale per dare la possibilità di iniziare una carriera lavorativa di grande impatto”.

https://www.pltv.it/news/consulenza_creditizia/avvera-spinge-sulla-cq-e-investe-nel-capitale-della-agenzia-gruppo-santamaria


Quali sono i requisiti per accedere alla Cessione del Quinto?

Quali sono i requisiti per poter accedere alla Cessione del Quinto?

La Cessione del Quinto, nell'ultimo periodo, è di sicuro la formula di finanziamento più scelta da coloro che hanno necessità di ottenere della liquidità immediata.

Grazie a questo tipo di finanziamento, infatti, è possibile usufruire di nuove risorse economiche per realizzare un progetto tenuto in cantiere da molto o anche solo per regalarsi una vacanza.

Quali sono le categorie che possono accedere alla Cessione del Quinto?

Le categorie di utenti che possono richiedere la Cessione del Quinto posso essere raggruppate nel seguente modo:

  • Dipendenti pubblici, statali e parapubblici: ad esempio gli insegnanti, medici, infermieri, carabinieri, poliziotti, membri dell'esercito, etc.. In questa categoria, sono inclusi anche i dipendenti parapubblici appartenenti alle aziende partecipate per oltre il 50% dallo Stato o da enti pubblici.
  • Dipendenti di aziende private: in questa categoria appartengono i dipendenti di società di grandi dimensioni s.r.l. o s.p.a. ed aziende che abbiano più di 15 dipendenti in organico
  • Pensionati INPS: in questa categoria sono compresi anche i pensionati EX INPDAP per i quali le condizioni di finanziamento possono essere ancora molto vantaggiose. Difatti, grazie alle convenzioni stipulate da Avvera S.p.A. con l'Ente, si ottengono ottime soluzioni estremamente vantaggiose.

Qual è l'età minima e massima per poter accedervi?

Chiaramente, tra i requisiti minimi per poter accedere a questa tipologia di prestito, c'è l'età che deve essere minimo di 18 anni al momento della domanda e con età massima entro il quale bisogna terminare il prestito di 89 anni. 

Che tipo di contratto bisogna avere in corso?

Per i lavoratori pubblici, statali, parapubblici e aziende private, è richiesto un contratto a tempo indeterminato, superato il periodo di prova,. Il contratto deve essere effettivo da almeno 3 mesi (per i dipendenti pubblici, statali e parapubblici) o 6 mesi (per i dipendenti privati).

Quali sono gli altri vantaggi della Cessione del Quinto?

  • Personalizzabile: offre da 5.000 € a 75.000 €, con piani di rateizzazione fino a 10 anni;
  • Facile: bastano pochi documenti per richiederla, e non servono garanzie o ipoteche;
  • Veloce: la gestione telematica delle domande snellisce la burocrazia e accorcia i tempi di erogazione;
  • Pratica: le rate mensili sono trattenute direttamente in busta paga o dalla pensione;
  • Sempre compatibile con il proprio stile di vita: per garantire una vita dignitosa l’importo della rata non supera mai il 20% del netto in busta paga (pari, appunto, a 1/5 dello stipendio o della pensione).

Come si richiede un preventivo?

I Funzionari del Gruppo Santamaria, specializzati in questo tipo di prestiti, mettono a disposizione degli utenti la loro professionalità con consulenze personalizzate con tempi di risposta della richiesta immediata.

Si può richiedere un preventivo gratuito sul sito web o la pagina social della società. Se invece lo preferisci puoi chiamare direttamente la sede provinciale di Catania

la nostra sede è a Catania ma ci puoi trovare in tutte le filiali del gruppo Credem presenti in Sicilia oppure chiamando il nostro servizio clienti al numero verde 800 821289 o via mail all’indirizzo servizioclienti@grupposantamaria.com

 


Cessione del Quinto per Neoassunti

Neoassunti e Cessione del Quinto: si può?

La Cessione del Quinto è indubbiamente una delle forme di prestito più diffuse negli ultimi anni. Ci si domanda però se anche i neoassunti sia nel settore pubblico sia in quello privato possano accedervi. In quest'articolo approfondiremo questa tematica.

Per poter accedere a qualsivoglia forma di finanziamento, possedere un contratto a tempo indeterminato è essenziale. Senza garanti esterni o ipoteche, i neoassunti sono infatti esclusi da gran parte dei finanziamenti ad eccezione della Cessione del Quinto. Infatti, quest'ultima rappresenta l'unico strumento di credito che, se sussistono determinate condizioni, viene concesso anche a chi è stato assunto da poco con contratto a tempo indeterminato.

Quali vantaggi ci sono con la Cessione del Quinto?

Vediamo insieme quali sono le caratteristiche di questo tipo di prestito:

  • Personalizzabile: offre da 5.000 € a 75.000 €, con piani di rateizzazione fino a 10 anni;
  • Facile: bastano pochi documenti per richiederla, e non servono garanzie o ipoteche;
  • Veloce: la gestione telematica delle domande snellisce la burocrazia e accorcia i tempi di erogazione;
  • Pratica: le rate mensili sono trattenute direttamente in busta paga o dalla pensione;
  • Assicurazione inclusa: La tutela per te stesso ed i tuoi cari è inclusa nel prezzo;
  • Sempre compatibile con il proprio stile di vita: per garantire una vita dignitosa l’importo della rata non supera mai il 20% del netto in busta paga (pari, appunto, a 1/5 dello stipendio o della pensione).

Cessione del Quinto per Dipendenti Privati Neoassunti

Per i dipendenti privati, l'unica garanzia che, oltre al contratto a tempo indeterminato viene richiesta è data dal TFR accumulato. Di solito, ai dipendenti del settore privato è richiesto almeno un anno di anzianità lavorativa. Inoltre, contano la stabilità e le caratteristiche dell'azienda, che deve avere un minimo di 16 lavoratori dipendenti.

Cessione del Quinto per i Dipendenti Pubblici Neoassunti

Partono decisamente avvantaggiati i dipendenti del settore pubblico, difatti, offrendo maggiori garanzie di stabilità rispetto alle imprese private, accedere alla Cessione del Quinto è cosa ben più semplice. Generalmente, quando si firma un contratto a tempo indeterminato con un ente pubblico o statale potrebbero essere sufficienti 3 mesi di anzianità lavorativa, avendo superato il periodo di prova.

Come richiedere un preventivo

I Funzionari del Gruppo Santamaria, specializzati in questo tipo di prestiti, mettono a disposizione degli utenti la loro professionalità con consulenze personalizzate con tempi di risposta della richiesta immediata.

Si può richiedere un preventivo gratuito sul sito web o la pagina social della società. Se invece lo preferisci puoi chiamare direttamente la sede provinciale di Catania

la nostra sede è a Catania ma ci puoi trovare in tutte le filiali del gruppo Credem presenti in Sicilia oppure chiamando il nostro servizio clienti al numero verde 800 821289 o via mail all’indirizzo servizioclienti@grupposantamaria.com

 


Cessione del quinto: il calcolo della rata

Come si calcola la rata della Cessione del Quinto?

La Cessione del Quinto rappresenta sicuramente la forma di finanziamento più apprezzata dai dipendenti pubblici, statali e pensionati soprattutto nell'ultimo periodo.
Questa formula permette infatti di ottenere un accesso al credito facile e veloce, con condizioni sempre vantaggiose. In questo articolo scopriamo come calcolare la rata mensile massima e tutto quello che c’è da sapere sui prestiti con Cessione del Quinto a dipendenti e pensionati.

Perché conviene la Cessione del Quinto?

La Cessione del quinto è una forma di prestito a tasso fisso ed in convenzione che permette di ottenere fino a 80.000 € da restituire attraverso una trattenuta diretta sulla pensione e sulla busta paga.
Vediamo insieme quali sono i benefici di questo tipo di finanziamento:

  • L’importo da richiedere può variare da un minimo di 5.000€ fino ad un massimo di 80.000 €. 
  • Puoi scegliere la rateizzazione per il rimborso : da 24 a 120 mesi
  • Tasso Fisso e Agevolato per tutta la durata del prestito
  • Nessuna garanzia richiesta
  • Polizza assicurativa inclusa

Come si calcola la rata massima dello stipendio o della pensione?

Per capire come conteggiare la quota cedibile, che corrisponde alla rata mensile che può essere applicata, bisogna partire dall'importo netto della pensione o dello stipendio, da calcolare tenendo conto delle trattenute previdenziali e fiscali. La somma deve essere poi divisa per cinque. Ecco un esempio:

  • Pensione/Stipendio netto: 1600 €
  • Quota massima mensile della Cessione del Quinto: 340 €
  • Pensione/Stipendio mensile rimanente: 1280 €

In questo caso la quota massima cedibile della pensione è 340 euro, la rata mensile della Cessione del Quinto non potrà quindi superare questo limite.

Come si richiede la Cessione del Quinto?

I Funzionari del Gruppo Santamaria, specializzati in questo tipo di prestiti, mettono a disposizione degli utenti la loro professionalità con consulenze personalizzate con tempi di risposta della richiesta immediata.

Si può richiedere un preventivo gratuito sul sito web o la pagina social della società. Se invece lo preferisci puoi chiamare direttamente la sede provinciale di Catania


Prestiti Agevolati per Medici Convenzionati

Quali sono i prestiti dedicati ai medici convenzionati?

Se lavori nel campo della medicina e ti interessa sapere quali sono i prestiti agevolati per medici convenzionati, lo scoprirai in quest'articolo.
Notizia, infatti, di qualche giorno fa,  riguarda appunto il  rinnovo della convenzione tra alcuni istituti di credito ed alcune categorie di medici per aderire a diverse forme di finanziamento.

Si ha la possibilità di poter scegliere tra differenti formule di prestito: da quello personale alla cessione del quinto.
La tipologia di finanziamento che più si sta diffondendo in questo periodo è senz'altro la Cessione del quinto.

I punti di forza di questo tipo di prestito sono:

  • Flessibilità: permette di ottenere da 5.000 e 75.000 euro, da rateizzare fino a 120 mesi, e può essere estinto in anticipo o rinegoziato prima della scadenza.
  • Riservatezza: essendo un prestito non finalizzato non serve specificare come si intende utilizzare il credito erogato.
  • Sostenibilità: per tutelare la qualità di vita del richiedente, l’importo delle rate non supera mai il 20% dello stipendio netto o della pensione netta (un quinto, appunto).
  • Comodità: i pagamenti mensili sono detratti automaticamente dalla busta paga o dalla pensione.
  • Sicurezza: il prestito include sempre una polizza assicurativa, che copre sia il rischio vita che la perdita del posto di lavoro, così da non pesare mai sul proprio nucleo familiare.
  • Praticità: grazie a pratiche telematiche semplificate il credito è erogato in tempi rapidi.

Che requisiti deve avere un medico convenzionato?

La cessione del quinto per medici convenzionati richiede dei requisiti essenziali, senza i quali non potresti ottenere il prestito.

A quale categoria devi appartenere?

  • Pediatra o medico iscritto all'ENPAM
  • Biologo con iscrizione all'ENPAB
  • Veterinario con iscrizione all'ENPAV
  • Psicologo con iscrizione all'ENPAF

Rientri nella categoria dei medici convenzionati protestati o cattivi pagatori?
Potrai comunque ottenere e ricevere il prestito mediante cessione del quinto, l'unico requisito che dovrai rispettare è avere un contratto a tempo indeterminato ed aver lavorato per un periodo di almeno 12 mesi.

Hai già una cessione del quinto in corso?
Nessun problema, puoi controllare se è trascorso il tempo necessario per poterla rinnovare o se puoi accedere alla delega di pagamento.

A chi rivolgersi?

Puoi richiedere informazioni ai funzionari del Gruppo Santamaria. Specializzati da oltre dieci anni nell'erogazione di prestiti con cessione del quinto ma, pronti ad ascoltare le tue esigenze e guidarti nella scelta del prestito adatto a te. Puoi contattarli attraverso il sito web o la loro pagina Facebook, oppure, puoi chiamare la sede provinciale e richiedere una consulenza personalizzata.

 

 


Quali documenti servono per la Cessione del quinto?

Cosa serve per accedere al prestito con Cessione del quinto?

La Cessione del quinto, soprattutto negli ultimi tempi, è la formula di finanziamento più scelta dai lavoratori e dai pensionati.
Ti chiederai: "come mai"? La risposta è data dalla comodità di ottenere un prestito in modo facile e veloce con un Tasso Fisso e Agevolato. Inoltre, non servono garanzie o ipoteche per concludere la pratica ed ottenere la somma richiesta.

Quali sono le Caratteristiche del prestito con Cessione del quinto?

La Cessione del quinto è un prestito a tasso fisso ed è l'unico prestito completo di copertura assicurativa obbligatoria inclusa nel prezzo.
Quando si stipula un finanziamento con questa formula si ha infatti la sicurezza di ottenere subito una polizza sulla vita e, per i lavoratori dipendenti, anche una sul rischio di perdita dell’impiego.
Si tutela al tempo stesso i propri cari e se stessi da qualsiasi imprevisto possa accadere.

Vediamo quali altri vantaggi ci riserva questo tipo di prestito:

  • Personalizzabile: offre da 5.000 € a 75.000 €, con piani di rateizzazione fino a 10 anni;
  • Facile: bastano pochi documenti per richiederla, e non servono garanzie o ipoteche;
  • Veloce: la gestione telematica delle domande snellisce la burocrazia e accorcia i tempi di erogazione;
  • Pratica: le rate mensili sono trattenute direttamente in busta paga o dalla pensione;
  • Sempre compatibile con il proprio stile di vita: per garantire una vita dignitosa l’importo della rata non supera mai il 20% del netto in busta paga (pari, appunto, a 1/5 dello stipendio o della pensione).

Quali documenti servono per poterla richiedere?

Per poter richiedere una Cessione del quinto, è sufficiente raccogliere pochi documenti che elenchiamo di seguito in dettaglio:

Lavoratori Dipendenti

  • Carta d'identità
  • Codice fiscale
  • Ultime due buste paga
  • CUD (Certificato Unico Dipendente)
  • Certificato di stipendio rilasciato dal datore di lavoro

Pensionati

  • Carta d'identità
  • Codice fiscale
  • Ultimi due cedolini della pensione (se in possesso del richiedente)
  • Modello Obis (se in possesso del richiedente)
  • Quota cedibile rilasciato dall'ente pensionistico (se in possesso del richiedente)

Cosa fare per richiedere un preventivo?

Puoi affidarti ai servizi messi a disposizione dai consulenti di Gruppo Santamaria. Grazie ai servizi telematici messi a disposizione degli utenti è possibile richiedere  un preventivo gratuito on line direttamente sul sito o la pagina Facebook della società. Se invece vuoi una consulenza personalizzata puoi contattare la sede provinciale di Catania.

 

 


Finanziamenti in Convenzione NoiPa

Ultime news sui Finanziamenti in Convenzione NoiPa

E' degli ultimi giorni la circolare del M.E.F. che riguarda l'aggiornamento delle Convenzioni per i Finanziamenti NoiPa.

Viene dunque confermata la convenzione per la quale c'è la possibilità, previa prenotazione immediata, di accedere ad agevolazioni particolarmente vantaggiose.

Vediamole insieme:

  • L'importo da richiedere può variare da un minimo di 5.000€ fino ad un massimo di 75.000 €. 
  • Si potrà scegliere la rateizzazione per il rimborso : da 24 a 120 mesi
  • Tasso Fisso e Agevolato per tutta la durata del prestito
  • Nessuna garanzia richiesta
  • Polizza assicurativa inclusa

Con questo tipo di prestiti agevolati, si possono avere le somme necessarie anche nel giro di qualche giorno grazie alla velocità e sicurezza garantite da sistemi telematici avanzati.

Agevolazioni e tutele per i dipendenti NoiPa

Sotto questo profilo, i dipendenti pubblici possono avere accesso a molte agevolazioni finanziarie, quindi possiamo dire che sono tutelati anche sotto il profilo economico oltre che lavorativo.

Infatti, è molto più semplice per questa categoria di lavoratori chiedere un finanziamento in convenzione NoiPa, sicuri che potranno ottenere le somme necessarie in breve tempo. Una tutela indiretta garantita dal posto di lavoro che è ritenuto sicuro e protetto.

Per quanti lavorano negli uffici pubblici, chiedere un prestito in convenzione è davvero molto semplice. Pochi dati richiesti e, con la cessione del quinto, si otterranno i fondi accreditati direttamente sul conto!

I funzionari del Gruppo Santamaria S.p.A., grazie alla loro esperienza decennale nell’erogazione di prestiti con Cessione del Quinto, garantiscono velocità di gestione ed erogazione del prestito. La sede provinciale è a Catania, ma, operano in tutta Italia. Puoi prenotare la tua consulenza gratuita  qui oppure sulla pagina Facebook della società.