Il matrimonio in Italia sempre più in calo: a cosa è dovuto?

A dirlo è un’indagine dell’ISTAT che ha analizzato la situazione nel nostro Paese confrontandola con i dati del 2004.

Quello che emerge è che l’età media degli sposi è cresciuta, raggiungendo un record ineguagliabile e valido sia per gli uomini sia per le donne.
Infatti, se nel 2004 l’età media dello sposo era di 33 anni e della sposa poco meno di 30, nel 2016 questo dato è cresciuto: difatti i dati ISTAT confermato che l’età media dello sposo è salita a 37 anni, mentre quella della sposa a 33 anni. Un altro dato che emerge è che sono aumentate notevolmente le nozze di sposi over 45 così come quelle degli over 60, anche se in quest’ultimo caso si parla quasi sempre di seconde nozze.

Ma quali sono i fattori determinanti?

Sicuramente, tra le cause, quella che maggiormente si presenta è legata al costo complessivo delle nozze. Si calcola, infatti, che una cerimonia di nozze tradizionale con circa cento inviati, possa costare dai 35 ai 60 mila euro, cifre oggettivamente fuori dalla portata di troppe persone.

Fortunatamente, esiste la possibilità di ricorrere ad un finanziamento per realizzare il proprio matrimonio.
Si chiama “Prestito Matrimonio” ed è un prestito erogato appositamente per sostenere la spesa delle nozze.

Il Prestito Matrimonio, può essere richiesto per coprire l’intera spesa del matrimonio oppure solo l’acquisto dell’abito o il ricevimento o il viaggio di nozze in base alle diverse esigenze e necessità.

Richiedere Il Prestito Matrimonio è facile e veloce grazie ai sevizi resi disponibile dal Gruppo Santamaria, specializzata da oltre dieci anni nell’erogazione di questa tipologia di prestiti.
Possono accedere a questo tipo di prestito i dipendenti pubblici ,privati, i dipendenti statali, i pensionati e dipendenti della regione Sicilia.
Inoltre, possono accedere al Prestito Matrimonio anche coloro che hanno avuto in passato problemi finanziari e risultassero delle segnalazioni come cattivo pagatore.

Richiedere informazioni è facile e veloce! Attraverso il sito web, la pagina Facebook della società oppure chiamando direttamente la sede provinciale ed ottenere una consulenza gratuita personalizzata.