Cessione del quinto, il prestito facile per i dipendenti

Si tratta di un prestito che è garantito dalla cessione di un quinto dello stipendio, in pratica si può ottenere una detrazione diretta in busta paga fino al massimo di un quinto, esempio per uno stipendio da 1000 Euro al massimo si possono rimborsare 200 Euro mensili, ovviamente la cifra esatta dipende dall’entità del prestito.

La cessione del quinto è un ottimo strumento per ottenere liquidità, in pratica è auto garantito dalla busta paga mensile, quindi si può ottenere senza contropartita o ulteriori garanzie di immobili o altri capitali.

È lo stipendio legato all’impiego del richiedente che s’impegna con la cessione del quinto o parte di essa, questo purché si tratti di un lavoro fisso e continuativo, tale da garantire successive risorse per vivere al richiedente e il rimborso mensile delle rate.

A chi è rivolto?

Il prestito mediante cessione del quinto è rivolto, o meglio lo possono richiedere i dipendenti Statali, Pubblici e lavoratori delle grandi imprese nazionali, se si hanno questi requisiti, si può fare richiesta e ottenere entro pochi giorni la soma desiderata.

Una volta stipulato il contratto, il prestito sarà restituito con una trattenuta direttamente in busta paga, quindi una volta ottenuto il finanziamento dal mese successivo ci sarà una decurtazione sullo stipendio non superiore a un quinto del totale.

Chi può ottenere il prestito con la cessione del quinto?

Tutti o quasi possono accedere a questa forma di finanziamento, dai dipendenti ai pensionati fino a un’età massima di 75 anni, inclusi anche ritardatari nei pagamenti e protestati, questo apre una finestra di positività verso coloro che per un errore o problema si sono visti chiudere le porte in faccia dalle banche!

Un’opportunità che dopo il credit crunch degli anni scorsi, questo è uno spiraglio positivo per molte persone che per anni sono state considerate non degne di fiducia anche per prestiti di entità molto esigue.

Quali sono i vantaggi?

Uno è sicuramente la modularità del prestito, rimborsabile da 60 fino a 120 mesi, quindi da un minimo di 5 anni, a salire di anno in anno fino a un massimo di 10, la rata in genere comprende tutte le spese inclusa un’assicurazione contro eventuali rischi del richiedente a garanzia della copertura del rimborso.

Per chi ha già in piedi una cessione del quinto, può comunque richiederne un secondo se necessario, questo è fattibile nella misura in cui il totale delle somme trattenute dallo stipendio, non superi il tetto massimo del 40% del totale dello stesso.

È prevista anche l’estinzione anticipata del prestito, che in questo caso dovrà essere rinegoziato facendo recuperati gli interessi previsti dal piano di rimborso. I soldi in genere sono disponibili a mezzo assegno o tramite bonifica bancario.

Se in questo periodo si hanno problemi di liquidità, allora questo è il momento di chiedere il prestito personale.