Prestito matrimoniale per dipendenti statali

Un tempo era consuetudine nelle famiglie italiane programmare la dote per la figlia in previsione del matrimonio. In un certo senso era un piccolo capitale grazie al quale la neo coppia poteva sposarsi senza dover spendere dei soldi per il corredo e gli accessori affini.

Oggi non è più neppure pensabile una cosa di questo tipo, che seppur romantica la dote, non ha il valore che poteva avere 50 anni fa, oggi in piena era di consumo di massa il corredo ha un costo almeno 10 volte inferiore in proporzione al valore dell’epoca.

Le esigenze matrimoniali sono molto diverse, lo stile vita ed anche la casa hanno connotazioni non paragonabili anche solo a venti anni fa, per cui le spese da sostenere per unirsi in matrimonio sono diverse, per questo motivo il prestito matrimoniale per dipendenti statali può diventare risolutivo e contribuire a quella “dote” moderna necessaria per le coppie di sposini.

Il ricevimento e l’abito della sposa

Se le lenzuola non sono più una spesa da sostenere, non si può dire la stessa cosa per l’organizzazione, il ricevimento e soprattutto l’abito della sposa, tutte cose imprescindibili per qualunque matrimonio, che anche se modesto occorre sempre sostenere dei costi non proprio popolari. Il prestito matrimoniale per dipendenti statali offre in un solo colpo la soluzione definitiva al problema, si possono chiedere fino a 30 mila Euro da rimborsare in comode rate.

Questa cifra in molti matrimoni è stata sufficiente per l’acquisto dell’abito nuziale di entrambi gli sposi, per il ricevimento, gli addobbi ecc … e la parte restante del prestito ha consentito a molti sposi di acquistare gran parte del mobilio per la nuova casa.

La dote in un prestito matrimoniale per dipendenti statali

Quello che un tempo era compito delle famiglie con la dote, in altre parole acquistare biancheria, stoviglie e altre cose utili per la casa, è stato sostituito dalla disponibilità di acquisto di altre particolarità matrimoniali.

Molto spesso si pianifica il matrimonio considerando nel complesso ogni aspetto, le coppie moderne in genere sanno quanto effettivamente dovranno spendere per sposarsi, dalle fedi nuziali ai confetti, questo semplifica ed evita sorprese che possono mettere in difficoltà le giovani coppie.

Siamo nell’epoca del “low cost”, questo vale anche per il matrimonio ma anche volendo spendere poco siamo sempre oltre i 10 mila Euro, che ovviamente disponibili non lo sono quasi mai.

La soluzione può esser data da un unico prestito matrimoniale per dipendenti statali, rimborsabile con 179 Euro al mese sulla base di un prestito da 15 mila Euro, cifra che considerando i costi attuali consente di organizzare un gran bel matrimonio, del resto ci si sposa una volta sola!